php shell hacklink php shell seobizde.com pancakeswap sniper bot pancakeswap sniper bot pancakeswap sniper bot pancakeswap sniper bot pancakeswap bot pancakeswap sniper bot pancakeswap sniper bot Şişli Escort Mecidiyeköy escort tiktok takipçi satın al gabile sohbet mersin escort

admin – masher.xyz

admin

Farcoz Couture: la boutique on-line dedicata all’alta moda e al Made in Italy

Tempo di lettura stimato 2 minuti

High fashion è il termine francese che si utilizza per identificare l’alta moda e i creatori di abiti e accessori dal lusso esclusivo. Fu il marchese Giovanni Battista Giorgi a lanciare, ufficialmente, nel 1951  l’Alta moda così come la conosciamo oggi. Ogni marchio di alta moda ha dietro di sè una storia artistica, personale e imprenditoriale. Basti pensare che alcune boutique sono diventate nel corso degli anni  un punto di riferimento per tutti coloro che sono alla ricerca di abiti eleganti e di alta moda. La moda è un’arte da raccontare, arte da vivere e da indossare.  La moda è un settore fondamentale per l’economia e la società attuali.

D’altra parte, dal punto di vista psicologico i vestiti che indossiamo fanno sapere agli altri chi siamo prima ancora che essi ci conoscano. La moda parla per noi, ci cube chi siamo o chi vogliamo essere. 

Moda e tendenze autunno/inverno 2021/2022

Quest’inverno le tendenze moda 2021-2022 hanno portato in passerella colori molto forti e vitali: Il nero ormai un evergreen dello stile, il caldo marrone, il viola più terrestre. Altri colori popolari sono: il rosso fuoco e blu elettrico. Per le donne dal forte fascino, il blu elettrico è perfetto. Rosso è invece il colore della passione, dell’amore energico e impolite. Parola d’ordine del 2022: intensità.
Gli abiti selezionati per la moda autunno 2021-2022 quest’anno sono davvero speciali. Tornano i will need to have del passato per la gioia dei malinconici: tute doposci  anni ’70, giubbotto imbottito in stile “paninaro” anni’ ’80. Si passa dai cappotti oversize alle gonne a pieghe, dalle divise urbane composte da classici pezzi sartoriali  ai tailleur , ecco i fondamentali dello stile da ufficio.

Sono molti negozi on-line dove è possibile acquistare abbigliamento esclusivo, internazionale e Made in Italy il più quotato è decisamente FARCOZ COUTURE.

Farcoz Couture boutique elegante e raffinata anche on-line

La boutique Farcoz Couture è situata in Viale Monte Bianco, 14 11013 Courmayeur (AO) e oltre al negozio fisico propone anche uno store on-line molto curato. Farcoz Couture propone un’ampia selezione di abbigliamento donna, uomo e bambino, trattando i migliori marchi del Made in Italy e della moda internazionale. Il sito in questione, inoltre, offre uno sconto del 10% sul primo ordine. La boutique on-line propone i migliori model d’alta moda da Brunello Cucinelli all’inglese Burberry, a Botti e Fabiana Filippi.

Selezionando la categoria “IN OFFERTA” è possibile trovare anche abbigliamento scontato.

Il tempo di spedizione indicativo è il seguente: Italia: 1-2 giorni lavorativi. La spedizione costa 10 euro e per ordini superiori a 150 euro sono gratuite.
Il sito accetta pagamenti tramite PayPal, carta di credito e bonifico bancario. Esiste la possibilità di reso, se si desidera effettuare il reso è necessario inviare una richiesta scritta a farcozcouture@alice.it, specificando il numero d’ordine, il codice del prodotto da restituire e la modalità di compensazione prescelta.
Acquistare sul sito è molto semplice poichè esiste una guida alle taglie davvero molto precisa e dettagliata, facile da tenere presente nonostante il gran numero di model presenti.

E’ possibile seguire Farcoz Couture anche sui social community:
Fb: Farcoz Couture
INSTAGRAM: @farcozcouture_

E beh, che dirvi, viva il Made in italy e lo procuring intelligente sempre. Buon acquisto!

Bestselling Dresswe Night Clothes 2016

Tempo di lettura stimato 3 minuti

Buongiorno belli come è iniziata la settimana? Io al massimo come sempre!
Sono felice che pò più di fresco è venuto a trovarmi, davvero non ce la facevo più. Ormai
questo sta diventando il diario delle mie non ferie, vedo la gente al mare, vabbè dai, cerco di vedere il lato positivo delle cose, almeno mi dedico a ciò
che mi piace, utilizzo il tempo in maniera produttiva e magari qualcosa di buono, prima o poi, ne verrà fuori. Come sapete anzi ormai come è noto a tutti spesso “perdo” un
sacco di tempo a farmi le mie domande esistenziali, non sempre ovvio, e come di consueto trovo mille
risposte, ma non me ne va bene mai nessuna allora mi sento sospesa. Un paio di giorni fa, rimettendo in ordine l’armadio, ho trovato un bellissimo abito da sera;si il mio armadio è una giungla e gli outfit li scelgo grazie alla serendipità, infatti vado con l’concept di trovare qualcosa e ne trovo sempre un’altra, un pò come se la vita ti dà dei limoni tu fanne una limonata.
Comunque adoro gli abiti da sera,oltre a quello che ho trovato l’altro giorno, il mio
armadio ne è pieno, cosa mi piace di questi abiti? Il loro effetto.
Ossia l’effetto che fanno al mio corpo quando li indosso, l’effetto sorpresa, di quelli che fanno calare il silenzio al mio passaggio e la
sensualità che emanano. Mi fanno pensare alle grandi dive del passato,
immagino tappeti rossi e fiori, sorrisi e brindisi, flash di paparazzi e ombrelli. Sensualità sei tu che
mi guardi sulle ciglia, mentre abbasso fintamente lo sguardo e indosso uno di questi magnifici abiti da sogno. Abiti da sera
che mettono in risalto forme sinuose e si chiudono in segreti che farebbero
arrossire i più intrepidi soprattutto quando si tratta di disegnare labbra con la punta delle dita.
Sapete che qui su theFashiondiet vi consiglio da sempre gli store on-line più carini con un occhio alla spesa e alla qualità e oggi vi parlo di Dresswe, un negozio on-line dove è possibile acquistare tantissimi abiti da sera.

Se cliccate sul sito, che trovate a questo hyperlink qui, credo non ve ne pentirete perchè lo store on-line riesce advert accontentare quasi tutti i gusti, dallo stile femme fatale a quello più contenuto, ma sempre ricco di fascino, degli abiti tagliati sotto al seno, a ricordare le dee della mitologia greca. Infatti la parola “dive” deriva dai corrispettivi latini “divus” e “diva” e sta a significare ciò che è divino.
I prezzi degli abiti nello store on-line vanno da un minimo di 100$ advert un massimo di 300$ anche se vi consiglio sempre di controllare eventuali sconti soprattutto se cliccate la sezione del sito, in evidenza, Dresswe Evening Dresses 2016.
Dresswe spedisce in tutto il mondo e accetta pagamenti Paypal, Visa e circuito Mastercard.
Per cui non dovete fare altro che scegliere e attendere il vostro abito da sogno a casa.
Cosa ne pensate di questi abiti?
Scrivetemelo!
Baci

Evening Dresses 2016

Evening Dresses 2016

Evening Dresses 2016

Evening Dresses 2016

Evening Dresses 2016

Evening Dresses 2016

Evening Dresses 2016

Evening Dresses 2016

Evening Dresses 2016

Evening Dresses 2016Evening Dresses 2016

Autunno 2016 : le giacche più stylish

Tempo di lettura stimato 3 minuti

Buongiorno tesori come va? Vacanze giá finite? Posso dire la sincera veritá
mi sento impaziente di iniziare una nuova stagione, lo ammetto sono una di
quelle persone che tendono a iniziare diecimila progetti diversi.
Sará che sono un pò fissata con gli inizi mi sembrano dei momenti adatti
per fare il punto della situazione. Agosto è stato un mese molto strano
diciamo che ha portato alla luce parti di me che erano rimaste nella
cosiddetta zona d’ombra. Quelle parti, che, seppur non belle o come
afferma qualcuno dicendo che non sono facile da controllare, mi rendono
molto umana. Sono lati del mio carattere che devo imparare a gestire e non
reprimere, perchè chiudere nello scantinato il mio brutto carattere non
servirebbe, ovviamente. Inoltre spesso mi rendo conto di scrivere in
maniera tanto nervosa solo per avere un quadro ordinato dei miei pensieri,
come diceva la frase? “Scrivo perchè quando leggo quello che scrivo capisco
quello che penso” Il punto è esattamente questo è tatuare qualcosa di
profondamente privato su di un foglio bianco.

La sera inizia a fare freschetto e spesso mi porto dietro una giacca, io
sono una patita delle giacche in pelle tipo biker, il cosiddetto chiodo.
Quest’autunno le giacche domineranno la scena e avranno un posto d’onore tra i development più seguiti.
Quest’autunno 2016 le giacche vanno dalle più classiche in
pelle dal taglio asimmetrico più o meno sciancrate al morbido suede soprattutto con frange per un
look boho-chic.

Una menzione devono avere le varsity jacket ossia le giacche che si
ispirano alle giacche dei giocatori di soccer americano o ai membri delle
confraternite dei faculty da indossare rigorosamente con i boyfriend pants strappatissimi
o con un look molto femminile se si ha voglia di giocare sui contrasti.
Non posso non parlarvi poi della giacca in denim che si declina nella versione oversize fino alla reinterpretazione più stylish dello spolverino.
Su Zaful potete trovare un sacco di proposte interessanti se siete alla ricerca di una giacca per la stagione che sta per arrivare.
Fatemi sapere cosa ne pensate!
Baci

Giacche per l'autunno 2016,  Teresa Morone fashion blogger,  Zaful shopping,
http://www.zaful.com/patch-design-stand-neck-long-sleeve-jacket-p_209665.html

Giacche per l'autunno 2016,  Teresa Morone fashion blogger,  Zaful shopping,
http://www.zaful.com/patch-design-denim-turn-down-collar-jacket-p_209669.html

Giacche per l'autunno 2016,  Teresa Morone fashion blogger,  Zaful shopping,
http://www.zaful.com/turn-down-collar-black-pu-leather-jacket-p_55589.html

Giacche per l'autunno 2016,  Teresa Morone fashion blogger,  Zaful shopping,
http://www.zaful.com/denim-hooded-long-sleeve-loose-coat-p_142253.html

Giacche per l'autunno 2016,  Teresa Morone fashion blogger,  Zaful shopping,
http://www.zaful.com/tassels-long-sleeve-suede-coat-p_207252.html

Giacche per l'autunno 2016,  Teresa Morone fashion blogger,  Zaful shopping,

Selfiemoda : lo store on-line che mette tutti d’accordo

Tempo di lettura stimato 2 minuti

L’property sta finendo e un altro anno se ne va, sto diventando grande ma davvero non mi va, cantavano i Righeira un paio
di anni fa e oggi mi trovo a riflettere proprio su questo, che property
strana, semplicemente non so dare un giudizio se sia stata una bella property
o brutta, forse non sapevo come l’avrei voluta e ho candidamente seguito il
corso degli eventi. Ho pensato molto agli eventi personali che mi sono
accaduti in questi giorni e ho imparato a dargli un perché.
Si forse quest’property mi ha cambiato in un certo senso mi ha migliorato,
è come la storia delle perle che nascono da un’ostrica che è stata
ferita. Come un’ostrica ho imparato a far nascere qualcosa di buono da tutto quel doloroso fardello, questa si chiama
resilienza e va tanto di moda oggi.
Proprio come un minuscolo gioiello luminoso mi va di splendere e non ho intenzione di risparmiarmi.
Da qui anche la mia voglia di vestirmi di bianco, proprio come l’outfit che
vado a proporvi oggi.
Un look fresco adatto a queste giornate afose, apparte qualche temporale, perchè si sa d’property indossare il bianco è quasi un obbligo.
L’abito bianco lungo dalla gonnellona lunga d’ispirazione gipsy è proprio in linea con il development di quest’anno che vuole le
spalle scoperte.
Il look è poi impreziosito e reso city da una borsa a mano Silvian Heach, marrone decorata da una gradevole stampa snake in morbido suede per la parte anteriore e per i manici, in pelle per la parte posteriore. La borsa l’ho scelta su Selfiemoda.com uno store on-line che vi consiglio assolutamente di andare a vedere il prima possibile, perché c’è una vasta gamma di splendide borse a mano e non solo. É possibile acquistare anche capi di abbigliamento e scarpe, che arrivano, posso garantire io, tutte in ottimo stato e a tempo report.

All’interno del sito è presente un’ampia sezione outlet con diversi marchi e sconti che vanno dal 50 al 70%!

I model presenti sul sito sono tantissimi e con un vary di prezzo impressionante, da Silvian Heach a Erika Cavallini, da Jeffrey Campbell a Karl Lagerfield. Insomma la varietà di prezzi e stili riesce a mettere d’accordo tutti.

Avevate già visitato questo store on-line?

Fatemi sapere cosa ne pensate!

Baci

Selfiemoda, fashion blogger, Teresa Morone,

Selfiemoda, fashion blogger italiane, Teresa Morone,

Selfiemoda, fashion blogger italiane, Teresa Morone

Indosso:
borsa Silvian Heach presa su Selfiemoda.com
abito Zaful.com

Il internet non è cattivo

Tempo di lettura stimato 3 minuti

Buongiorno cari e buon venerdì, oggi è uno di quei giorni che vorresti passarli a leggere sotto al piumone e a trovare risposte che probabilmente non troverai mai.
Ultimamente nel bus, negli uffici o semplicemente per strada mi capita di ascoltare sempre la stessa solfa ossia che il internet è qualcosa di orripilante e che la tecnologia ci distruggerà. Solitamente non rispondo mai a queste chiacchiere da bar Sport perchè non sono affari miei e tollero il pensiero altrui, ma vorrei dire come la penso.

Il internet non è cattivo.
Il internet non è un demone che si ciba delle anime dei suoi utenti e ne fa sacrifici in nome di divinità.
Il internet è
semplicemente uno strumento.
È uno strumento utile a molteplice problematiche puoi trovare informazioni
di ogni tipo su qualsiasi cosa ( alcune verificate altre meno) puoi
utilizzarlo per esprimere te stesso, le tue passioni, i pensieri (come
faccio io) puoi parlare con chi vuoi metterti in contatto con un numero
illimitato di persone.
Ma poi, quasi ogni vengo a leggere di notizie di cronaca in cui il internet è protagonista
in un’accezione prettamente negativa, advert esempio Tiziana Cantone la ragazza napoletana che si è suicidata perchè non riusciva a sopportare la gogna mediatica a cui period giornalmente sottoposta dopo che alcuni suoi video exhausting erano stati pubblicati in rete e la ragazzina diciassettenne che è stata filmata dalle sue amiche mentre veniva stuprata. Sempre più spesso la cronaca ci informa di avvenimenti come questi e capisco che il problema non
è il internet, il pill o lo smartphone ma l’uso che se ne fa, un uso
decisamente improprio. Posso avere un mattone e tanto posso utilizzarlo per
costruire un muro tanto posso gettarlo in testa a qualcuno (ovvio che non
lo faccio perché non me lo perdonerai mai) ma lo strumento è sempre quello
è un mattone, non si muove non cambia forma, sono io che decido come
utilizzarlo. Lo smartphone è un oggetto inanimato sono io advert essere responsabile dell’uso che ne faccio.
Allora diventa un problema di coscienza non una questione di internet o di
tecnologia; è domandarsi perché farne un uso cosi improprio e deleterio? Perché
utilizzare uno smartphone per denigrare o esporre al pubblico ludibrio il
corpo degli altri? Perchè passare i pomeriggi a inveire sulle pagine di altri utenti, famosi o non? Perché mercificare l’odio?
Perchè l’odio diventa una moneta di
scambio, un luogo dove aggregarsi, un motivo per sentirsi parte di qualcosa, perchè da qualche parte esiste un vuoto di personalità. Un vuoto che è un buco nero.
Tu odi x io odio x allora abbiamo qualcosa in comune.
Perché di odio si tratta. Odio che nasce dall’ insensibilitá e dalla noia,
una sorta di bovarismo malefico, una vendetta per aver ricevuto (forse?) poco amore da parte di una società
divoratrice che considera i giovani una generazione ingombrante, una valuta,
un numero scritto su una tabella, un voto di laurea, una information.
Ma il internet non ha colpa, i social sono degli utenti che li compongono, si chiamano social perchè presuppongono l’thought della società e della comunanza, non esiste un social community con un solo utente.

Però, a
tante voci che pensano a distruggere ce ne sono tantissime altre pronte a
costruire. Io stessa quando scrivo mi domando spesso se ciò che dico possa
essere un buon esempio per qualcuno oppure no, questo perchè mi sento responsabile, eh si sono nata a pane e marmellata ma
non vengo nemmeno dalla famiglia del mulino bianco.
Pensateci due volte prima di insultare qualcuno o di apostrofare in malo
modo chiunque abbia costumi diversi dai vostri e se qualcuna vi ha rubato
il ragazzetto siete sicure che vorreste vendetta per poi stare con qualcuno
che in realtá non vi ama? Cui prodest?
Non giova a nessuno, sicuramente non a voi.
Probabilmente starete pensando che sono una sognatrice idealista o come
cube qualcun altro un’ingenua che crede ancora che il mondo si possa salvare, ebbene si è molto probabile che lo sia sennò non starei
qui a parlarvi di queste cose e del magone che mi prende quando leggo
determinate notizie e forse non esisterebbe nemmeno questo weblog che è nato da
una scintilla di incoscienza.
Lascio a voi le riflessioni.

Metro: un nuovo modo di pensare il enterprise

Tempo di lettura stimato 2 minuti

Buongiorno tesori! In questi giorni mi trovo sempre più a pensare a quello che faccio e se questo è realmente ciò che voglio e se la direzione che ha preso la mia vita è quella giusta. Diciamo che gli assetti sono molto cambiati e questo è il periodo in cui si tirano le somme, una specie di anti-compleanno.
Se dovessi dire perché ho iniziato a fare quello che faccio probabilmente
la prima parola che mi viene in mente è: sfida. Ma non voglio di certo mettermi a sfidare gli
altri o a competere con chiunque mi passi di fianco è una sfida con me stessa, si tratta di avere la forza di abbattere i limiti che si
trovano solo nella mia mente. È esprimere me stessa al 100%. Ciò che ho imparato in questi anni è di lasciare andare quelli che vi frenano. Chi ti frena non ti ama per come sei ma ama la proiezione che ha di te. Quelli
che vogliono crearmi recinti intorno alla bellissima pianta quale sto diventando, non possono amarmi perchè devo crescere rigogliosa.

Appunto il lavoro è il tema del submit di oggi infatti METRO Cash & Carry lancia un’iniziativa che coinvolge i Professionisti indipendenti di tutto il mondo: l’11 ottobre 2016 arriva la “Festa delle attività in proprio”, un evento per celebrare lo spirito imprenditoriale di tutti coloro che gestiscono un’attività.

Buzzoole
L’obiettivo è di trasformare la “Festa delle attività in proprio” in una ricorrenza annuale, la festa verrà celebrata ogni anno il secondo martedì di ottobre. In Italia, i riflettori sono puntati in particolare sul settore dell’Horeca indipendente, ovvero il segmento dei Professionisti della ristorazione e dell’accoglienza. Si ma non pensate a sedie paglia di Vienna impolverate e tovaglioli accartocciati perchè l’Horeca (acronimo di Hotellerie-Restaurant-Café) è un settore tutt’altro che noioso fatto di professionisti che propongono un servizio all’avanguardia.
Inoltre per la “Festa delle attività in proprio” METRO lancia una piattaforma digitale dedicata volta a dare maggiore visibilità e facilitare la relazione dei Professionisti dell’Horeca con i consumatori finali. Registrandosi gratuitamente al sito gli esercenti possono infatti proporre offerte, pacchetti innovativi e sconti speciali esclusivi per il giorno della festa. In questo modo, i consumatori finali che visitano la piattaforma possono visualizzare un’ampia selezione di locali e attività nei territori di loro interesse ed accedere advert opportunità ed offerte esclusive messe a disposizione.
Perchè proprio METRO?
METRO, negli anni, ha svolto un ruolo attivo nel sostegno della ristorazione, sviluppando una profonda conoscenza dei propri clienti e creando un rapporto di fiducia reciproca tra professionisti del settore e consumatori finali e noi sappiamo quanto il meals sia importante per noi italiani.
E voi cosa ne pensate? Parteciperete?
Scrivetemelo!
Baci

Metro: un nuovo modo di pensare il business, Festa delle attività in proprio, lifestyle blog italiani, fashion blog,

Una gonna in denim un pò People

Tempo di lettura stimato 2 minuti

“Non capisci una tradizione, se non la vedi in relazione alle altre.”
JOHN ROGER SEARLE

Buongiorno belli e buon lunedì! Già siamo advert Ottobre il tempo non vola, di
più,fino ai 18 anni i giorno sembrava non passassero mai, invece ora mi sembra di vivere di corsa contro il tempo.
Nonostante il tempo (tempo meteorologico) sia incerto e ieri è stata una delle classiche
domeniche da “Coperta e serie TV” o “Coperta e Xbox” mi sento carica per
affrontare questa nuova settimana. Nel submit di oggi vi propongo un outfit
con una gonna in denim ricamata in stile folks presa su Zaful, una giacca
classic in suede e una borsa a secchiello in cuoio. Lo stile folks è
sicuramente uno dei pattern più gettonati di questo Autunno/Inverno perciò
by way of libera advert abiti lunghi floreali abbinati a giacche pesanti a contrasto,
cardigan lunghi tricot, lana, cuoio e ricami che ricordano gli abiti
tradizionali delle donne dell’Europa Centro-Orientale e Balcanica.

Se poi volete
acquistare la gonna basta cliccare qui.
E ovviamente non serve menzionarvi il crop prime che fa subito Donna di
Beverly Hills 90210. L’outfit è un combine di stili che avevo voglia di provare
da tempo, dopo tutto anche io sono un combine di tante cose. Una mescolanza che
pur se traballante si mantiene in equilibrio, una stabilità fatta di
opposti e di cose belle, un arco costruito su tanti pianti e sorrisi. Tutto
ciò che mi riguarda è quasi sempre un doppio o un triplo non è mai in purezza.
Fatemi sapere cosa ne pensare del look!
Baci
Gonna in denim, denim skirt, Folk style, fashion blog italia, Teresa Morone,

Gonna in denim, denim skirt, Folk style, fashion blog italia, Teresa Morone,

Gonna in denim, denim skirt, Folk style, fashion blog italia, Teresa Morone,

Gonna in denim, denim skirt, Folk style, fashion blog italia, Teresa Morone,

Gonna in denim, denim skirt, Folk style, fashion blog italia, Teresa Morone,

Gonna in denim, denim skirt, Folk style, fashion blog italia, Teresa Morone,

Indosso:
gonna by Zaful

Micaela Coscia whole look

Tempo di lettura stimato 3 minuti

Buongiorno belli come va? Scusatemi se sono un pò discontinua ma sto ancora cercando il modo preciso per incastrare alla perfezione tutti gli impegni, ma ho l’impressione che questo metodo non esiste, esistono solo un atteggiamento flessibile e il contare fino a dieci prima di sparare a zero su tutti.
Oggi vi mostro un outfit un pò più ardito del
solito firmato dalla stilista freelance Micaela Coscia.
Micaela è giovanissima nasce a Modena ma si destreggia abilmente tra il territorio Modenese/Bolognese, si diploma nel 2011 come Tecnico dell’Abbigliamento e Moda al G.Deledda di Modena ma non trova subito la strada che più le si addice. Inizia a lavorare insieme alla mamma come agente di viaggi, un pò per questioni familiari un pò per frenesia, ma dopo due anni, e come si cube il destino lo si incontra sempre prima o poi, inizia advert avviare collaborazioni e stage come modellista/figurinista presso aziende del settore moda restando nel suo territorio. A Giugno 2015 determine di provare advert iscriversi al concorso per giovani stilisti “Vesti la Musica in abito da sera” a Desenzano del Garda, raggiungendo il podio come seconda classificata con la creazione fatta a mano “la Farfalla”. Dopo questo piccolo successo nasce “MICHA” e Micaela inizia il suo lavoro di Stilista Freelance e Fondatrice del Model MICHA.
Nasce così un marchio particolare e irresistibile, oltre advert essere totalmente Made in Italy dato che Micaela lavora artigianalmente, toccando e sentendo i suoi tessuti. A scuola le hanno insegnato le basi ma lei continua advert imparare, evolvendo continuamente il suo stile. Potete trovare tutte le informazioni su Micaela Coscia qui.

Intanto Micaela e il suo model si preparano alla nuova personal assortment Fw 2016/2017 “I’M Cleopatra” che potete trovare con un semplice click on qui.
Io nell’outfit di oggi indosso un pantalone palazzo e un crop prime della collezione MICHA 2016, ho da subito amato questi due capi d’abbigliamento, li ho trovati interessanti e seducenti. Perchè la bellezza ha tante sfumature e Micaela Coscia ha trovato la sua e la infusa nelle sue collezioni e a volte il consiglio è proprio quello di non ascoltare nessun consiglio, di smettere di ascoltare le varie voci e iniziare advert ascoltare quella vocina
che viene da dentro. Perchè ogni tanto bisogna staccarsi e andare contro
corrente, perchè se è vero che la vita è una sola tanto vale prendersi
tutto. Perché di momenti tristi ne abbiamo a bizzeffe.
Destiny sapere che cosa ne pensate di questo look e del model MICHA !
Bacino

Micaela Coscia, Micaela Coscia stilista, Teresa Morone,Micaela Coscia total look, brand MICHA, Teresa Morone fashion blogger italia,

Micaela Coscia total look, brand MICHA, Teresa Morone fashion blogger italia,

Micaela Coscia total look, brand MICHA, Teresa Morone fashion blogger italia,

Micaela Coscia total look, brand MICHA, Teresa Morone fashion blogger italia,

Micaela Coscia total look, brand MICHA, Teresa Morone fashion blogger italia,

Micaela Coscia total look, brand MICHA, Teresa Morone fashion blogger italia,

Micaela Coscia total look, brand MICHA, Teresa Morone fashion blogger italia,

Micaela Coscia total look, brand MICHA, Teresa Morone fashion blogger italia,

Desigual whole look

Tempo di lettura stimato 3 minuti

Buongiorno tesori come va come è iniziata la settimana? In questi giorni mi sento un pò su di giri, ho
voglia di cambiamenti, ho necessità di tagliare tutto ciò che è diventato saturo. Sono un’eterna anima in pena.
Queste giornate sono proprio strane, un giorno piove un altro c’è il sole e non sai mai come vestirti, allora provi a vestirti a cipolla e quindi o ti becchi l’influenza o sudi come un cammello. Finalmente vi posto un nuovo outfit e decisamente invernale, un look adatto a tantissime situazioni.
Nel put up di oggi indosso un look informal che mi piace veramente tanto è comodo, semplice senza essere banale.
Nell’outfit, infatti, indosso un caldissimo cardigan di lana che mi fa da cappotto, quest’anno la lana ritorna grande protagonista dei development invernali sia per la sua praticità e sia per il suo essere versatile e diciamocelo chiaramente perchè tiene caldo. Su tutte le riviste e sulle passerelle sto infatti vedendo il ritorno dei cappotti a uovo d’ispirazione classic, dei cappotti a vestaglia,dei pullover tricot e pullover con applicazioni in tessuto frou frou, e abiti dal taglio semplice ma molto molto femminili, ovviamente tutti in lana.
Il cardigan l’ho
scelto sullo store on-line Desigual e fa parte della nuova collezione F/W
2017 è molto morbido e di buona qualità, infatti l’ho abbinato advert una camicia in
denim sempre Desigual e a degli stivali over the knee che mi piacciono
tantissimo e ormai fanno parte dei miei preferiti per l’autunno.

Quest’anno, posso dirvi che Desigual presenta una collezione F/W 2016/2017 molto interessante, meno
sopra le righe rispetto le precedenti e più ispirata ai grandi classici,per esempio se date uno sguardo ai cappotti ne troverete di molto belli. Per fare un salto nel mondo Desigual vi invito a
visitare lo store on-line qui.
Fatemi sapere cosa ne pensate del look!
Baci

Desigual total look, outfit, Teresa Morone fashion blogger Italia,

Desigual total look, outfit, Teresa Morone fashion blogger Italia,

Desigual total look, outfit, Teresa Morone fashion blogger Italia,

Desigual total look, outfit, Teresa Morone fashion blogger Italia,

Desigual total look, outfit, Teresa Morone fashion blogger Italia,

Desigual total look, outfit, Teresa Morone fashion blogger Italia,

Desigual total look, outfit, Teresa Morone fashion blogger Italia,

Indosso:
cardigan e camicia Desigual
orecchini Shanore
stivali Newchic

Atelier Pantheon: Riki Dalal Trunk Present

Tempo di lettura stimato 3 minuti

Buongiorno carissimi come procede la settimana?
Io ho tantissime cose da raccontarvi! Ma avete visto che brutto tempo,
sembra quasi il 2 Novembre, ah quanto rimpiango l’property.
L’altro giorno, se mi seguite sui social Instagram e Facebook, vi avevo invitato advert un evento
molto esclusivo ossia un Haute Couture present organizzato il 16 Ottobre 2016 con la partecipazione della designer israeliana Riki Dalal
presso l’Atelier Pantheon a Grottaminarda (AV)
, chi lo cube che l’entroterra campano è noioso?.
Riki Dalal è una designer amata sia dalle spose di tutto il mondo che da importanti celebrities, sportive e campionesse olimpioniche, businesswoman di successo, volti del grande cinema. Le caratteristiche uniche e la particolarità del suo stile è spesso protagonista nelle copertine dei journal più popolari.
Gli abiti di Riki Dalal si trovano solo nelle boutique più esclusive nel mondo. Gli abiti da sposa della stilista sono caratterizzati da sensualità, e da linee pulite, tessuti leggerissimi, pizzi raffinati e accattivanti, interamente lavorati a mano.
Durante il Trunk Present del 16 Ottobre, le future spose, hanno avuto l’opportunità di indossare i nuovi lavori di Riki Dalal, insieme ai consigli di stile e portamento dei wedding ceremony guide dell’Atelier Pantheon.

l’Atelier ha voluto però, stupire ancora di più il suo pubblico, infatti a presenziare la serata c’period anche Roberta Saviano, consulente d’immagine e private shopper molto affermata nel settore, che ha intrattenuto i partecipanti con i suoi take a look at dei colori in base alla texture della pelle. Ma non è finita qui, infatti, l’atelier nel corso del trunk present, ha fatto si che la fortuna baciasse un’audace ragazza regalandole un viaggio da sogno, una fuga d’amore in una meta a sua scelta, così da regalarsi qualche giorno di meritato loosen up prima del fatidico si.
L’Atelier Pantheon è da tempo il riferimento di tutti coloro che sono in
procinto di sposarsi, perché possiede un’ampia scelta di abiti da sposa delle migliori marche,
abiti per lo sposo, abiti da cerimonia e tutti gli accessori necessari per una perfetta riuscita del grande
giorno. Il personale è cortese e preparato e ha esperienza nel settore ed è
una cosa da non sottovalutare, credetemi.
L’Atelier Pantheon si trova in by way of Piani 32 a Grottaminarda (AV) per raggiungerli: Autostrada NApoli-BAri uscita Grottaminarda, a circa 1 ora da Napoli – Salerno – Caserta – Potenza – Foggia ed a circa 1/2 ora da Benevento e Avellino.
Potete seguire l’Atelier Pantheon su Facebook e per tutte le altre information basta cliccare qui.
Conoscevate già questo magnifico negozio?
Scrivetemelo!
Baci

Atelier Pantheon, Riki Dalal Trunk Show, Teresa Morone fashion blog italia,wedding, wedding blog,

Atelier Pantheon, Riki Dalal Trunk Show, Teresa Morone fashion blog italia,wedding, wedding blog,

Atelier Pantheon, Riki Dalal Trunk Show, Teresa Morone fashion blog italia,wedding, wedding blog,

Atelier Pantheon, Riki Dalal Trunk Show, Teresa Morone fashion blog italia,wedding, wedding blog,

Atelier Pantheon, Riki Dalal Trunk Show, Teresa Morone fashion blog italia,wedding, wedding blog,

Atelier Pantheon, Riki Dalal Trunk Show, Teresa Morone fashion blog italia,wedding, wedding blog,

Atelier Pantheon, Riki Dalal Trunk Show, Teresa Morone fashion blog italia,wedding, wedding blog,

 

tcasino,